Devota a San Gennaro

Fine serata ricordando San Gennaro. Lontano 1999, laureata da un anno e in crisi perché nessuna scuola mi chiama, fosse anche per soli 15 giorni di supplenza. Facendo una visita ai miei parenti di Napoli, mi addentro per le vie del centro, e così, senza pensarci troppo, entro nel Duomo.Luci basse, profumo di incenso e cera che scivola sotto i tacchi, vicino la sua statua.  Davanti a me lui solo, San Gennaro. Comincio a osservarlo e mi attardo con tutto il mio carico di scetticismo accanto a lui, un santo troppo popolare per la mia aristocratica cultura.

Ad un certo punto, però, decido di provocarlo, con la sfacciataggine di chi sa che non ha più nulla da perdere e –nel silenzio incensato che mi scherma da sguardi curiosi- lancio il guanto di sfida: “Senti, San Gennaro, nonostante non abbia avuto mai a che fare con te, anch’io sono napoletana. Vediamo se davvero vali quanto dicono. Io sono senza lavoro: se me lo fai trovare, giuro che tornerò entro l’anno ad accenderti un cero.” Era domenica pomeriggio. Tornai a Roma in serata. Martedì mi chiama la preside della scuola media del Carcere di Rebibbia per chiedermi di accettare un incarico annuale -da tutti rifiutato. Il mercoledì mattina assieme ai tanti cancelli che mi separavano dai miei alunni -a maggioranza napoletani!- si aprì anche il capitolo più bello della mia storia di docente, confermato anche l’anno seguente!

Ah, il maggio seguente -quando si scioglie ancora il sangue di San Gennaro- ero di nuovo lì, nel Duomo, accanto alle vecchiette, che come prefiche urlavano al miracolo. E quella volta, non mi sentivo poi tanto diversa da loro…

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
2621

5 risposte a “Devota a San Gennaro”

  1. Evviva San Gennaro, evviva Napoli e la sua gente unica e meravigliosa, ma soprattutto evviva una collega come Gemma!
    Firmato:
    una collega precaria romana di 55 anni, scuola sec. di primo e secondo grado. Prima supplenza di 7 gg. nel marzo 1994 (24 anni fa), a breve il ruolo in seguito al Concorso docenti 2018 superato con 35/40.
    …se il Cielo vuole e San Gennaro pure, stavolta ce la faccio.
    Ciao e tanti auguri di Buon Natale a noi docenti e soprattutto ai nostri splendidi alunni.
    Silvia S.
    ❤🎁

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.